Come lavare gli abiti per la palestra e lo yoga in modo naturale

A mano o in lavatrice, tutti i trucchi zen per il tuo bucato.

Aggiornato

borsa da palestra, asciugamano, scarpe da ginnastica e borraccia

Chi di noi fa regolarmente attività fisica è di certo incorso in qualche inconveniente con il bucato extra: odore di sudore che non se ne va facilmente, non abbastanza capi da lavare per una lavatrice e non abbastanza cambi da poter attendere una settimana, etc. In questo articolo troverete dei semplici trucchi che vi aiuteranno a risolvere questi fastidiosi problemi in maniera veloce, senza fatica e rispettando l’ambiente.

Pretrattate gli aloni di sudore con bicarbonato o aceto e lavate poi i capi in lavatrice a basse temperature con poco sapone. L’aceto funziona anche benissimo come sostituto dell’ammorbidente, e ha inoltre un effetto anticalcare.

Come lavare a mano l’abbigliamento da palestra

Come spesso accade tornati dalla palestra, si hanno un paio di capi da lavare ma non abbastanza da riempire nemmeno il mezzo carico della lavatrice. Utilizzare la lavatrice quasi vuota non è soltanto dannoso per la salute della lavatrice stessa, ma comporta anche un danno per l’ambiente: tanta energia e acqua vanno infatti utilizzate (o sprecate) anche durante un lavaggio breve e a mezzo carico.

Se lavare l’abbigliamento da palestra a mano può essere oneroso, è possibile ovviare al tempo e alla fatica extra con una tecnica mista:

  1. Lasciate il completo da palestra in ammollo in un catino per qualche ora in acqua tiepida con una minima quantità di sapone, scuotendolo di tanto in tanto. Se i capi sono rimasti sporchi per qualche giorno pretrattate le zone soggette a maggior sudorazione (vedi paragrafo successivo).
  2. Tirate fuori i capi dal catino e strizzate via l’acqua in eccesso.
  3. A questo punto la tradizione vorrebbe almeno tre risciacqui in acqua fredda, ma - se non avete tempo - mettete i capi in lavatrice e selezionate il risciacquo a freddo e la centrifuga a velocità minima. A questo punto potete anche aggiungere nella vaschetta apposita una quantità minima di ammorbidente, o per un’alternativa super ecologica e antibatterica un goccio di aceto! Se la vostra lavatrice non dà la possibilità di personalizzare il lavaggio, selezionate il lavaggio per in capi in lana e il mezzo carico.
  4. Stendete all’aria e al sole, oppure in casa sullo stendino della biancheria. L’asciugatrice è altamente antiecologica e veramente non necessario per i materiali utilizzati per l’abbigliamento sportivo, che sono ideati proprio per asciugarsi in poco tempo.

In questo modo non soltanto risparmierete energia e acqua ma avrete capi lavati e profumati in pochissimo tempo. Se rimanete con il dubbio che il lavaggio a mano e in acqua tiepida non disinfetti i capi, utilizzate un detersivo antibatterico.

Come lavare i vestiti che puzzano di sudore: parola d’ordine pretrattare

Se vi siete scordati di lavare subito i vostri vestiti della palestra e ora gli aloni e la puzza di sudore sembrano quelli dei vestiti militari usati in vendita al mercatino delle pulci, abbiamo il metodo che fa per voi, anzi i metodi:

  • Metodo 1: bicarbonato di sodio Spargete abbondante bicarbonato sulle zone “infestate”, inumidite con un po’ d’acqua e sfregate per bene prima di procedere al lavaggio.
  • Metodo 2: Aceto L’aceto è un altro ingrediente presente in tutte le cucine e ottimo alleato per le pulizie di ogni tipo. Pretrattate le macchie o gli aloni di sudore con una spruzzata di aceto e un po’ di acqua. Se l’aceto come sostituto dell’ammorbidente serve ad ammorbidire i capi e agisce inoltre come anticalcare per la vostra lavatrice, usato direttamente sui capi è un ottimo antibatterico e antiodore.
  • Metodo 3: Candeggina Se le macchie di sudore sono particolarmente visibili e dall’odore intenso, optate per un metodo meno ecologico ma molto efficace. Sfregate gli aloni con qualche goccia di candeggina prima di lavare. Se i capi da smacchiare sono colorati, diluite la candeggina in un po’ d’acqua. Le candeggine di oggi non sono assolutamente aggressive e corrosive come quelle che utilizzavano le nostre nonne, ma è sempre bene usarle con cautela. Fate attenzione a non lasciare riposare la candeggina sui capi per troppo tempo: un paio di minuti sono sufficienti.

Come togliere l’odore di sudore dai vestiti senza lavarli?

Per quanto riguarda gli abiti da palestra, essendo di solito materiali resistenti e leggeri, è sempre consigliabile il lavaggio. Se avete indumenti più pesanti che utilizzate magari per lo yoga, come maglioni o maglie che non volete lavare ad ogni uso, provate a stenderli all’aria e al sole asciutti. Un altro trucco vede ancora l’utilizzo del bicarbonato a secco sugli aloni di sudore a cui potete aggiungere una goccia del vostro olio essenziale preferito: lasciate riposare per qualche ora e spazzolate via.

Come lavare il tappetino da yoga e gli indumenti in maniera naturale

Se il vostro pane quotidiano è lo yoga, saprete senz’altro quanto è necessario prendersi cura del tappetino. Il materiale sintetico insieme al sudore possono produrre un odore veramente poco piacevole che può rovinare lo zen delle posizioni più rilassanti, distraendovi e lasciandovi con una sensazione poco gradevole.

Utilizzate questa ricetta per uno spray fatto in casa che non è soltanto antiodore e antibatterico ma anche completamente ecologico e dalle proprietà rilassanti.

Cosa vi serve:

  • Una bottiglietta spray vuota di circa 150 - 200 millilitri (meglio ancora se di vetro o riciclata da un prodotto finito)
  • Aceto (meglio se di mele perchè dall’odore più delicato)
  • Olio essenziale di albero del tè (anche detto melaleuca)
  • Olio essenziale di lavanda (opzionale)
  • Acqua distillata

Mescolate una parte di aceto (50 ml) con 3 parti di acqua distillata (150 ml) e aggiungete 2 gocce di olio essenziale di melaleuca e 1 goccia di olio essenziale di lavanda. L’olio essenziale di melaleuca è un potente antibatterico e antifungino e la lavanda è un ottimo rilassante utilizzato in aromaterapia.

Spazzolate via polvere e residui e spruzzate lo spray magico su tutto il tappetino. Quindi lasciate asciugare al sole o ripassate con un panno asciutto e pulito.

Per lavare il completo per lo yoga in modo naturale, utilizzate un lavaggio a mano con del sapone neutro, semplice sapone di Castiglia a base di olio d’oliva sarà sufficiente. Al primo risciacquo aggiungete un po’ di aceto e olio essenziale di lavanda per una profumazione più gradevole. Risciacquate altre due volte, strizzate e stendete all’aria aperta.

Originariamente pubblicato