Come rimuovere le macchie della frutta estiva

I nostri consigli per fare in modo che una macchia di frutta non ti rovini l’estate, e nemmeno un capo!

Aggiornato

ghiaccioli alla frutta naturalli fatti in casa

Fragole, ciliegie, angurie, meloni… L’estate porta con sé tanta gioia, più tempo all’aria aperta e con la famiglia, frutta dolcissima e profumata. Per me è praticamente impossibile resistere a uno spiedino di frutta, o a una macedonia con gelato. Ricordo che da bambina quando arrivava l’estate mi facevo grandi scorpacciate di frutta fresca, mi ci sarei tuffata, in un’insalata di frutta . Quello che però non ricordavo, fino a quando sono diventata mamma, è che probabilmente mi ci tuffavo veramente. Almeno a giudicare da come i miei figli si macchiano mangiando la frutta estiva, di cui vanno ghiotti proprio come me. All’inizio vedevo solo le macchie sulle loro magliette, poi però quando ho imparato qualche trucco per pulirle facilmente, ho iniziato a godermi lo spettacolo dei bambini alle prese con angurie e meloni.

Goditi l’estate senza preoccuparti troppo delle macchie di frutta: le macchie passano mentre i bei ricordi restano. Nel caso in cui anche le macchie vogliano restare, affidati tranquillamente alla linea Lysoform, per una pulizia e un’igiene complete.

Velocità e tempismo

In caso di “incidente”, ovvero di macchia da frutta, prima di fare qualsiasi cosa, fai attenzione ai tuoi capi, dato che in estate di solito si indossano cotoni più leggeri o lino, decisamente delicati. La prima cosa da fare è agire velocemente, per evitare che il tessuto assorba troppo succo. Quindi: rimuovi ogni residuo di frutta con un coltello o comunque con un altro utensile. Se possibile, togli il capo macchiato e mettilo subito sotto acqua corrente fredda, lascia che il tessuto “filtri” parecchia acqua prima di metterti a strofinare bene la parte danneggiata, per evitare di diffondere la macchia più che rimuoverla. Nella maggior parte dei casi, questo potrebbe già essere sufficiente, ma ricorda che la velocità è quasi tutto.

Metodi naturali

Se la macchia è piccola e localizzata, puoi tranquillamente utilizzare un metodo naturale e molto efficace. Per preparare uno “smacchiatore naturale” ti servirà solo un po’ di sale e succo di limone (ebbene sì: frutta per rimuovere macchie di frutta). Sciogli in un bicchiere d’acqua un cucchiaio di sale fino con il succo di un limone. Quindi immergi direttamente il capo macchiato e strofina per bene. Questo metodo è particolarmente efficace in caso di capi in cotone o anche sintetici, purché siano leggeri. Come puoi immaginare, questo smacchiatore funziona meglio se la macchia è recente, mentre se la macchia di frutta ha già avuto il tempo di essere assorbita dal tessuto, potrebbe essere necessario un aiuto in più. Un altro prodotto che puoi utilizzare è il latte: aggiungi 1 bicchiere di latte a mezzo litro di acqua e lascia il capo in ammollo tutta la notte e vedrai che la mattina dopo la macchia sarà sparita. Se fosse rimasto ancora un alone puoi strofinare e poi risciacquare con acqua tiepida.

Passare al lavaggio

Non sempre purtroppo rimuovere velocemente la frutta, e il suo succo con acqua fredda è sufficiente. In alcuni casi è necessario ricorrere ad un lavaggio specifico, ma non bisogna preoccuparsi visto che oggi esistono prodotti ottimi anche per queste emergenze. Innanzitutto puoi provare a mettere un po’ di detersivo direttamente sulla macchia di frutta, nella zona già bagnata. Lascialo riposare per qualche minuto e vedrai che, al rimuoverlo sempre con acqua fredda, avrà già agito. Se così non fosse, torna ad applicare il detersivo sulla macchia, e metti il capo in lavatrice, un lavaggio delicato sarà sufficiente.

Acqua calda o fredda?

Come dicevamo, l’importante è agire il prima possibile, questa è una regola generale per tutte le macchie di frutta, o le macchie che possono infilarsi tra le fibre dei tessuti. In questo caso l’acqua fredda aiuta a sciacquare per bene la zona appena macchiata. Ma che fare quando la macchia ha avuto tempo di fissarsi alle fibre? In questo caso potrebbe funzionare acqua molto calda, direi bollente, soprattutto se lasciata cadere da una buona altezza, diciamo mezzo metro circa. Questa “terapia d’urto” aiuta a rompere i legami della macchia con il tessuto. Naturalmente bisogna fare attenzione a non scottarsi. Analogamente, incredibile ma vero, agisce anche il ghiaccio: prova a lavare il capo macchiato in acqua gelida, strizza bene, sempre facendo attenzione a non danneggiare le fibre, e poi lascialo riposare in freezer per una notte intera. Il mattino seguente lava la macchia sotto acqua corrente e… beh, prova a indovinare?.

Originariamente pubblicato