Skip to content
bici nel giardino erboso accanto a un patio con piante in vaso
Esterni

I metodi migliori per pulire la tua bici quando l’estate è alle porte.

La tua bici è  talmente sporca che non la riconosci più? Scopri i metodi più veloci ed efficaci per pulirla ed essere pronto per vivere l’estate al meglio.

Come ogni anno arriva la bella stagione e come ogni anno torna la voglia di allegre scampagnate all’aperto. Cosa c’è di meglio della bicicletta per godersi le dorate domeniche estive? Ti ricordi quindi di avere una bici, vai in garage e…. non la riconosci più: ma non era rossa? E sempre lei, solo che avresti dovuto lavarla l’anno prima. Questo è quindi il momento in cui l’entusiasmo cede il passo al disappunto e, in questo ordine, al dilemma esistenziale: lavare la bici oppure no? Ma devi pulire anche la catena? E le ruote?

In realtà, pulire la bici ogni tanto non è solo una questione di estetica ma anche di funzionalità, perchè residui, incrostazioni e detriti possono interferire con il corretto funzionamento degli ingranaggi. Siccome so che a nessuno piace occuparsi della manuntenzione e del lavaggio della bici - se a qualcuno piace, probabilmente è un ciclista o un meccanico -, ti suggerisco una serie di alternative in modo da farlo nel modo per te il meno gravoso possibile.

Per risparmiare: Lavaggio a mano con spugna, acqua e sapone

Non hai paura di sporcarti le mani? In una bella giornata di sole, Il lavaggio fai-da-te può essere persino divertente, oltre che economico. Specialmente se hai a disposizione un bel giardino o un cortile dove lucidare la tua due ruote fischiettando un allegro motivetto. L’occorrente include un secchio, del sapone, uno sgrassatore e una gomma da giardino, oltre ovviamente a spazzole, spugne e panni. Per il resto, segui i consigli di questa comoda guida.

Per fare prima: L’idropulitrice

Se hai una mountain bike e fai molto sterrato, la tua bici potrebbe essere piena di fango incrostato e secco. L’idropulitrice emette un potete getto chiaramente più efficace nel rimuovere i detriti di una semplice gomma da giardino. Inoltre, ti fa risparmiare un po più di tempo e di fatica. Si tratta di un piccolo investimento di un centinaio di euro che si potrebbe ripagare in una manciata di stagioni. Attenzione però a dosare con parsimonia la pressione del getto: un uso errato dell’idropulitrice può danneggiare cuscinetti e sospensioni.

Se non hai spazio: L’autolavaggio

Non tutti hanno la fortuna di avere un giardino o un cortile libero. Puoi portare la bici nella vasca da bagno ma è una sfacchinata. Puoi lavarla sul balcone ma rischi di annaffiare anche i vicini di sotto. Se la carichi in macchina o pedali fino all’autolavaggio, hai a disposizione una comoda lancia d’acqua a pressione e non devi neanche comprarti l’idropulitrice. Prendi solo le dovute precauzioni: la pressione del getto della lancia può essere molto forte, ancora più di quello dell’idropulitriche, dovrai quindi mantenerlo ad almeno a 1,5/2 metri di distanza per non rischiare di rovinare i cuscinetti della tua bici.

Per stare sicuro: rivolgiti a un professionista

Se non hai voglia, non hai tempo, non hai spazio o nessuna delle tre. In questo caso devi sapere che oltre ai ciclisti che vendono e riparano bici ci sono anche quelli che te la lavano. Non tutti, chiaramente: occorre prima informarsi onde evitare un viaggio a vuoto. Alcuni effettuano il lavaggio in vasche apposite con prodotti professionali, altri praticano una rigorosa e dettagliata pulizia manuale. Comunque sia, il tempo e la fatica risparmiati possono valere i soldi spesi (di solito non molti).

Ovviamente la scelta del metodo giusto dipende dallo stato di sporcizia della tua bici, dalla tipologia - le mountain bike di solito si sporcano di più - e dalla frequenza nonchè dallo scopo con cui la utilizzi. Sarà anche un po’ noioso ma una volta in sella con il vento di primavera che ti accarezza il viso la tua fatica sarà ripagata. Buona pulizia e buona biciclettata!

Cleanipedia consiglia


Oltre alla pulizia, non dimenticare la manutenzione! All’inizio di ogni stagione dare una controllata a catena, cambio, freni e ruote - oppure farla dare al tuo ciclista - può metterti al riparo da brutte sorprese.