5 consigli per il rientro a scuola

Il modo migliore per aiutare i vostri figli a iniziare con il piede giusto

Aggiornato

taccuino e matite colorate sul tavolo blu

Sappiamo bene che ogni anno ha due inizi, il primo giorno dell’anno, e il primo giorno di scuola. Settembre è per molti un mese particolare, ricco di buoni propositi e idee nuove, più ancora di capodanno. Ad arricchire questo scenario c’è anche il ritorno a scuola dopo le vacanze estive, che è sempre un momento molto delicato, sia per i bambini sia per i genitori. Abbiamo provato a raccogliere qui 5 idee perché il primo giorno di scuola dei vostro figlio dopo le vacanze sia il più bello possibile, per dar loro la spinta necessaria a superare le nuove sfide che incontreranno.

Quando si torna a scuola l’attitudine giusta è molto importante: aiutate i vostri figli ad apprezzare la gioia di imparare cose nuove, il piacere che deriva dall’ordine e stabilite con loro delle routine che li aiuteranno a non sentirsi spaesati.

1. La cosa più importante: l’attitudine giusta

Il ritorno a scuola dopo le vacanze può generare ansia e preoccupazioni. Quindi prima di preoccuparsi di come vestirsi il primo giorno di scuola, è bene provare ad arrivare alla data fatidica con l’energia e l’attitudine giuste. Come genitori il nostro compito è quindi quello di focalizzare l’attenzione sulle cose positive, ovvero il fatto che finalmente si potrà tornare a giocare tutti i giorni con gli amici di scuola, e che si impareranno nuove cose importantissime. Questo dipende ovviamente dall’età dei vostri figli, ma noi adulti dobbiamo sapere che è meraviglioso imparare qualsiasi cosa: leggere e scrivere, far di conto, una lingua straniera, uno strumento musicale, un nuovo sport. Insomma, nessuno conosce i vostri figli meglio di voi, quindi non abbiamo dubbi che saprete incontrare la motivazione giusta per loro.

2. Il ritorno alle routine

Anche se siete di quelli che non amano le routine, non potrete negare che le amate-odiate routine sono di grande aiuto. Sì perché se per noi possono essere sinonimo di ripetitività e quindi di noia, per loro significano più che altro ridurre l’ansia, che solitamente nasce dalle incertezze, dal non sapere cosa succederà “dopo”. Il nostro consiglio è quello di stabilire insieme ai bambini alcune routine - anche per dar loro crescenti responsabilità - affinché poi sia più facile seguirle e farle seguire. Ci saranno routine della mattina, tipo: colazione, doccia, lavarsi i denti e vestirsi; routine per il pomeriggio, come ad esempio: lavarsi, cambiarsi, preparare il necessario per il giorno dopo, giocare; routine per la sera: cena, raccogliere i giochi, leggere (o qualsiasi attività che non li ecciti troppo), infine lavare i denti, mettere il pigiama e andare a letto. Provate a realizzare delle schede con le cose da fare: questo aggiungerà un po’ di colore e ridurrà le inevitabili discussioni.

3. Fissare obiettivi

Non si è mai troppo piccoli per avere degli obiettivi. OVviamente questi, oltre che essere chiari e misurabili, devono essere proporzionati alle capacità di chi se li pone, per generare stimoli e non ansia. Provate quindi a spiegare ai vostri figli in cosa consiste l’anno scolastico che stanno per iniziare, cosa impareranno, e chiedete loro di darsi alcuni obiettivi. Con bambini piccoli ovviamente questo dev’essere un gioco, però non pensiate che si possano solo porre obiettivi sulle “prestazioni”: si possono anche stabilire obiettivi legati alla gestione delle emozioni o al modo di relazionarsi con compagni o maestri. Una cosa importante: date sempre il buon esempio e ponetevi voi stessi degli obiettivi. Questo servirà a tutti, sia ai bambini, sia a noi adulti, per continuare a crescere.

4. Alcune cose pratiche

È innegabile che tra le necessità legate al rientro a scuola ci siano anche cose pratiche, dalla divisa o grembiule - se richiesti nella scuola dei vostri figli - allo zaino, fino ovviamente alla cancelleria e ai libri di testo, passando per un’infinità di piccole e grandi cose. Il nostro consiglio, come diciamo spesso, è di arrivare preparati: scrivete una lista con tutto il necessario e cercate di organizzarvi per non arrivare all’ultimo minuto. Questo è anche uno dei modi migliori per risparmiare e non essere costretti a comprare a qualsiasi prezzo.

5. Una casa organizzata

Si sa che in estate tutto viene un po’ stravolto, anche le nostre case. Prima di tornare a scuola vi consigliamo di fare spazio a tutto quello che avrà priorità nei mesi successivi, per facilitare il più possibile la vita ai vostri piccoli studenti: organizzate la libreria, l’angolo per leggere, quello per fare i compiti, etc. Cercate fin da subito di trasmettere loro l’importanza dell’ordine, che fa sempre risparmiare tempo ed energie preziose.

Originariamente pubblicato