Come si lavano i vestiti dei neonati

Leggi i nostri consigli su come lavare i vestiti dei neonati per un bucato soffice e davvero pulito, perché la pelle delicata del tuo bambino ci sta a cuore.

Aggiornato

lavare i vestiti dei neonati

I neonati sono una fonte inesauribile di gioia e felicità. Ma un po’ tutti i genitori finiscono col pensare esterrefatti alla quantità esorbitante di macchie create da una creatura così piccola. Questo articolo vi spiega come lavare i vestiti dei neonati, aiutandovi a rimuovere una varietà di macchie per mantenere i tessuti sempre freschi e soffici.

E se oltre ai vestiti dei vostri bambini, siete curiosi di sapere come lavare anche i peluche, questo video mostra il modo migliore per farlo:

Molti genitori concordano su come lavare i vestitini dei neonati sia un accorgimento importante prima di farglieli indossare per la prima volta, poiché il tragitto dalla fabbrica al punto vendita potrebbe comprometterne l’igiene. Per lavarli, metteteli in lavatrice con un detersivo delicato, come Persil.

Come disinfettare i vestiti dei neonati: consigli di base

Quando si pensa a come lavare i vestitini dei neonati, ci sono una serie di raccomandazioni generali che è bene seguire, che si tratti di eliminare macchie particolari o di un lavaggio generale.

  • Per prima cosa, ricordatevi di controllare le etichette degli indumenti — Seguite sempre le indicazioni del produttore, proprio come si fa per tutti gli altri tipi di vestiti. In particolare, i pigiamini per neonati sono spesso resistenti al fuoco e alcuni detergenti e cicli di lavaggio possono compromettere la finitura del tessuto, se non si fa attenzione.
  • Usate prodotti delicati per il bucato del neonato, con una formulazione adatta alla sua pelle sensibile — I detergenti troppo aggressivi possono irritare la pelle dei neonati. Scegliete detersivi delicati sui tessuti e sulla pelle, come Persil o Neutral 0% detergente liquido. Il sito Web di Persil mette a disposizione maggiori informazioni sulle ragioni per cui un detersivo non biologico è consigliabile per lavare i vestiti dei bambini.
  • Agite sulle macchie non appena possibile — Prima si agisce sulla macchia e più facile sarà da rimuovere.
  • Prima di agire sulla macchia, provate a rimuovere la sostanza riversatasi sul tessuto o a strofinare il più possibile in corrispondenza della macchia stessa — Questo passaggio potrebbe non essere molto piacevole, specie se si tratta di macchie di pupù o vomito, ma serve a velocizzare il processo di pulizia. Consigliamo quindi di rimuovere la sostanza responsabile della macchia e strofinare la porzione di tessuto corrispondente.
  • Immergete gli indumenti macchiati in acqua fredda prima di agire sulla macchia — Questo semplice passaggio potrebbe bastare a eliminare le macchie meno aggressive (come quelle provocate dal latte o dalla saliva). Il prelavaggio è però utile anche per le macchie più ostinate, poiché aiuta ad ammorbidirle prima di usare il detersivo.

Come si lavano i vestiti dei neonati: macchie specifiche

Proteine — In questa categoria rientrano le macchie di latte materno, latte in polvere, rigurgiti e la maggior parte delle macchie lasciate da alimenti. In questi casi consigliamo di immergere per prima cosa l’indumento in acqua fredda, per poi pretrattare la macchia con cura utilizzando un po’ di detersivo liquido non biologico, senza diluirlo. Ricordatevi però di leggere le istruzioni indicate sull’etichetta e di testare il prodotto su una piccola porzione del tessuto per accertarvi che non abbia un’azione troppo aggressiva sul colore. Dopodiché, lavate il capo come fareste di solito, sempre seguendo le indicazioni specificate sulle etichette di manutenzione.

Fuoriuscite dai pannolini — Quando c’è da fare il bucato del neonato, i pannolini sporchi sono un vero incubo, ma inevitabili. Lemacchie di pupù possono essere trattate come le macchie di cibo (vedere il paragrafo precedente) ma, in questo caso, consigliamo di aggiungere anche qualche cucchiaio di aceto bianco distillato alla soluzione usata per il prelavaggio. Per le macchie di urina, invece, diluite un cucchiaio di ammoniaca in una tazza di acqua. Ancora una volta, testate la soluzione su una piccola area del tessuto per evitare di danneggiarne il colore. Se vi sembra che vada tutto bene, versate sulla macchia una quantità abbondante della vostra soluzione a base di ammoniaca, applicando successivamente del detersivo non biologico (senza diluirlo) o un prodotto smacchiante. Dopodiché, lavate il capo normalmente. Non combinate mai l’ammoniaca o l’aceto con un prodotto contenente cloro, poiché la reazione chimica che ne deriverebbe potrebbe dar luogo allo sviluppo di gas tossici.

Macchie di olio o unto — Le macchie di olio e creme per bambini o quelle di vaselina possono essere rimosse con facilità. Dopo aver rimosso la sostanza in eccesso, ricoprite l’area macchiata con amido di mais, talco o bicarbonato di sodio per assorbire l’olio. Dopo 15 minuti raschiate i residui, pretrattate seguendo le indicazioni qui riportate e lavate il capo normalmente.

Macchie di frutta e verdura — Durante la pappa, non è raro che un po’ di omogeneizzato o succo di frutta finisca sui vestitini del bimbo. Anche in questi casi, la prima cosa da fare è provare a togliere la macchia sciacquando il tessuto sotto l’acqua fredda. Se la macchia persiste, preparate una soluzione composta da alcol e acqua in parti uguali e immergetevi il capo macchiato. A questo punto, pretrattate aggiungendo po’ di detersivo liquido non biologico (senza diluirlo) o uno smacchiatore, quindi lavate normalmente.

Come si lavano i vestiti dei neonati: candeggine naturali e prodotti detergenti

Si può candeggiare il bucato del neonato? Molti genitori preferiscono evitare di utilizzare la candeggina per paura di irritare la pelle sensibile dei propri bimbi. Se non volete utilizzare la candeggina, potete sempre ricorrere a un detersivo di qualità della linea Neutral 0%, per preservare il bianco dei capi più a lungo, oppure a una delle soluzioni seguenti:

Ammoniaca — Un’alternativa più delicata alla candeggina per il bucato del neonato. Mescolare un cucchiaio di ammoniaca con 230 ml di acqua per trattare le macchie, oppure aggiungerne 60 ml al ciclo di lavaggio normalmente usato. Fate attenzione a non mischiare mai l’ammoniaca con soluzioni contenenti cloro, poiché ciò potrebbe dar luogo a una reazione chimica estremamente tossica.

Bicarbonato di sodio — Questo prezioso alleato di tutti i giorni, si rivela indispensabile anche per delicate operazioni come lavare gli indumenti del neonato. Preparate una soluzione pastosa mescolando acqua e qualche cucchiaio di bicarbonato di sodio e applicatela sulle macchie. Questa tecnica aiuta anche a eliminare gli odori.

Borace — Questo minerale solubile in acqua è dotato di proprietà antibatteriche e sbiancanti. Ricordatevi di seguire le istruzioni riportate sull’etichetta.

Aceto bianco distillato — L’aceto bianco è un ottimo detergente naturale ed è ottimo per sconfiggere gli odori. Si può aggiungere alla soluzione usata nel prelavaggio o anche usarlo nei cicli di lavaggio in lavatrice per donare ai vostri bianchi ancora più lucentezza.

Fare i genitori è un’esperienza stupenda ma può essere anche piuttosto estenuante! Ci auguriamo che i nostri consigli su come lavare i vestitini dei neonati rendano la vostra vita un pochino più semplice, aiutandovi a eliminare efficacemente qualsiasi macchia.

  • Quando si fa il bucato per il neonato, l’utilizzo di un ammorbidente, come Coccolino Delicato e Soffice, è caldamente consigliato, data la sua pelle delicata, e aiuterà a conferire ai capi una consistenza soffice e a prevenire gli episodi di irritazione. Un ammorbidente e un detersivo delicato sono quindi la combinazione perfetta per lavare regolarmente i vestiti dei neonati. Ricordatevi però di seguire le indicazioni specificate sull’etichetta.
  • Al bucato del neonato è possibile aggiungere anche dei disinfettanti naturali (come l’aceto bianco) in fase di lavaggio o prelavaggio.
  • Originariamente pubblicato