Come pulire la cover dello smartphone a farla tornare come nuova

I trucchi per far brillare la vostra cover di pulito e salvarla dalla spazzatura

Aggiornato

cellulare sporco di farina di grano su un tavolo da cucina

In questo mondo iperconnesso lo smartphone è ormai forse l’oggetto più maneggiato: lo portiamo e lo appoggiamo dappertutto, ce lo passiamo di mano in mano e lo tocchiamo dopo essere stati sui mezzi pubblici etc. È comprensibile che a un certo punto guardando la cover del vostro smartphone vi venga voglia semplicemente di buttarla e comprarne un’altra. In alcuni casi però una bella pulita può veramente far tornare la cover come nuova e risparmiarvi tempo, soldi e rifiuti che non sono riciclabili e finiscono quindi nell’inceneritore o, ancora peggio nelle discariche. Scopriamo insieme come pulire una cover in silicone o in plastica, trasparente, o in pelle.

Sporco ostinato sulla cover in silicone? Spargetevi sopra una cremina fatta con bicarbonato e acqua e lasciate asciugare per qualche ora. Spazzolate via bicarbonato e sporco con uno spazzolino da denti!

Come pulire una cover in silicone o in gomma

Il silicone è una materiale molto resistente e praticamente impossibile da rompere, soprattutto se di qualità. È inoltre resistente alle alte e basse temperature e se mantenuto pulito non degrada nel tempo come può accadere ad alcune plastiche. Considerate la sua durevolezza una cover dovrebbe durare almeno tanto quando il vostro smartphone e non c’è motivo di disfarsene alla prima macchia.

Come pulire la vostra cover in silicone? Munitevi di una bacinella, dell’acqua tiepida, qualche goccia di detersivo per piatti, del bicarbonato e uno spazzolino da denti in disuso. Immergete la cover nell’acqua calda e sapone e insistete sulle parti più sporche con lo spazzolino da denti bagnato e cosparso di bicarbonato. La cover tornerà come nuova!

Un trucco per le macchie o lo sporco più persistente

Per le zone più usurate dove si accumula lo sporco più ostinato utilizzate uno spazzolino - come appunto uno spazzolino da denti che non utilizzate più. Altrimenti ricopritele con una soluzione dalla consistenza cremosa fatta di bicarbonato e acqua e lasciate riposare per qualche ora. Una volta asciugata andate a sfregare di nuovo con lo spazzolino e vedrete i risultati! Un altro metodo molto efficace per i depositi di sporco è aggiungere alla soluzione di acqua tiepida e sapone liquido un cucchiaio di Borax, borato di sodio (detto anche tetraborato di sodio). Lasciate in ammollo per qualche ora, sfregate nei punti più sporchi e poi risciacquate con acqua fredda e asciugate per bene.

Come pulire una cover in pelle

Le cover in pelle non possono essere naturalmente messe a mollo nell’acqua. Per pulire la vostra cover in pelle utilizzate un panno pulito imbevuto di acqua tiepida e sapone neutro, oppure un panno con una piccola quantità di detergente per pelle. Un trucco facilissimo per idratare la pelle della vostra cover dopo averla lavata è quello di usare una piccolissima quantità di olio di cocco o latte detergente per il viso: versatene una piccola quantità su di un panno pulito e “massaggiate” la cover con movimenti circolari. Rimettete lo smartphone all’interno della cover solo una volta asciutta.

Consigli per il prossimo acquisto: una cover eco-friendly

Se la situazione è irrecuperabile e vi siete dunque decisi a comprare una nuova cover, perchè non cogliere l’occasione per fare un acquisto più duraturo o quantomeno più sostenibile? Le soluzioni eco-friendly per questo tipo di accessori sono ormai sempre più varie. Si possono trovare cover bellissime e comodissime in materiali sostenibili e addirittura riciclati. Esistono cover in legno (il bambù è uno dei materiali più eco-friendly), fatte con plastica riciclata raccolta dagli oceani e siliconi naturali (quindi non derivati dalla plastica). Per chi non è vegano, le cover in pelle sono una scelta abbastanza sostenibile, se si presta un po’ di attenzione al marchio da cui si sta comprando. Si possono anche trovare cover in pelle rigenerata e riciclata. La pelle inoltre è normalmente un materiale biodegradabile e quindi meno dannoso per l’ambiente.

Originariamente pubblicato