Come allungare la vita di spugne e strofinacci da cucina

Manutenzione e lavaggi per far durare gli stracci a lungo

Aggiornato

strofinaccio sopra il lavello della cucina

Supermercati e negozi per la casa offrono una vasta varietà di spugne da cucina e strofinacci, ne troviamo di abrasive, morbide e imbottite, per non parlare di panni in microfibra specifici per superfici in vetro, legno o pelle. Ma come fare per mantenerle pulite, igienizzate e conservarle a lungo? Prima di tutto è bene sapere quali lavori non sono adatti all’utilizzo di spugne e strofinacci. Non usate spugne da cucina per pulire sangue, vomito o escrementi di animali domestici, per questi lavori utilizzate stracci o carta assorbente che poi andrete subito a buttare nel sacco dell'immondizia. È bene anche assegnare un “compito” a spugne e strofinacci. Ad esempio in ogni casa dovrebbe esserci una spugna per lavare i piatti, una per pulire il lavello, uno strofinaccio per asciugare i piatti, uno strofinaccio per asciugare le mani e così via. Questo metodo ci permette di bloccare la contaminazione dei germi allungando la vita degli strofinacci.

Regalate una seconda vita agli strofinacci da cucina. Quando sono troppo logori, bucati o sfrangiati utilizzateli per i lavori di manutenzione della casa.

Come lavare le spugne da cucina per farle durare più a lungo

Le spugne da cucina per uso domestico sono relativamente economiche, pertanto in teoria possono essere cambiate di frequente, ma grazie ai consigli del team di Cleanipedia le potrete far durare più a lungo:

  • Se acquistate spugne relativamente costose potete tagliarle in due. Per lavare i piatti e pulire il lavello non serve una spugna intera, metà spugna vi garantisce lo stesso risultato ma vi permette di risparmiare il 50% sull'acquisto di nuove spugne.
  • Una volta finito di lavare i piatti, versate un cucchiaio di detersivo per i piatti antibatterico sulla spugna da cucina, massaggiate con le mani per far assorbire il sapone all’interno della spugna, strizzate e lasciate asciugare all’aria aperta. Questo metodo uccidere i batteri che si annidano nelle insenature facendo durare la spugna più a lungo.
  • La spugna può essere anche lavata in lavatrice insieme agli altri stracci, attenzione però a non farle fare il ciclo con l’asciugatrice perché potrebbe rovinarla.
  • Inserite la spugna umida nel microonde per circa due minuti. Le alte temperature del forno uccidono germi e batteri allungando la vita della vostra spugna.
  • Preparate una miscela composta da tre litri d'acqua ed un cucchiaio di candeggina profumata, lasciate le spugne a mollo per circa un'ora, risciacquate e lasciatele asciugare all’aria aperta. Questo accorgimento renderà le spugne come nuove.

Come allungare la vita di stracci da cucina e degli strofinacci per asciugare i piatti

Stracci e strofinacci sono usati quotidianamente per cucinare, pulire o semplicemente per asciugarsi le mani. Quando si cucina è facile sporcare gli stracci in maniera irreversibile, se volete far durare i vostri strofinacci da cucina più a lungo seguite questi consigli:

  • Non lasciate gli strofinacci bagnati in giro per la cucina. L’ambiente umido è ideale per la formazione di germi e batteri che oltre ad essere antigienici, regalano anche un cattivo odore agli strofinacci. Ricordate di far asciugare gli strofinacci anche prima di buttarli nel cesto della biancheria sporca.
  • Un ottimo stratagemma per uccidere i batteri degli stracci e farli durare più a lungo è quello di fargli fare un ciclo con l'asciugatrice dopo averli lavati. Le alte temperature eliminano i batteri che sono sopravvissuti al lavaggio in lavatrice.
  • Nelle calde giornate estive potete stendere gli stracci all’aperto per sfruttare il potere antibatterico del sole.
  • Un altro metodo per disinfettare gli strofinacci da cucina è quello di immergerli in acqua bollente per dieci minuti. Questo metodo naturale che non necessita di detergenti aggressivi è efficace per ridare vitalità agli strofinacci e togliere ogni traccia di cattivo odore.
  • Per pulire macchie di grasso, olio o unto usate la carta assorbente da cucina. Limitare l’uso della carta al minimo, è il modo migliore per salvaguardare l’ambiente, ma in certe situazione è necessario usare la carta piuttosto che uno straccio in cotone. Infatti sarà molto difficile eliminare le macchie di sugo o unto dallo straccio.

Ogni quanto bisogna cambiare le spugne e gli strofinacci da cucina?

In media una spugna per i piatti contiene più batteri del wc, queste spugne quindi vanno cambiate due volte al mese. Le spugne per pulire il lavandino o i panni in microfibra possono essere sostituiti una volta ogni tre mesi. Mentre gli strofinacci in cotone, se lavati regolarmente, possono durare anche degli anni.

Originariamente pubblicato