Ricordate quando da bambini si andava al mare o in montagna, nella casa delle vacanze, quella delle più grandi scoperte, delle infinite giornate di giochi con amici vecchi e nuovi? Ricordate anche cosa dovevate fare l’ultimo giorno prima di partire? Probabilmente solo giocare fuori casa e lasciare che mamma e papà sistemassero casa, per poi trovarla pronta ad attendervi l’anno successivo. Ebbene, oggi quel compito spetta a noi, e visto che non abbiamo davanti agli occhi un esempio da seguire, abbiamo pensato di farvi una piccola guida per non dimenticare niente.

Prima di tutto: di buttare il superfluo

Sia che passiate nella vostra casa vacanze solo un paio di settimane o addirittura tre mesi, è possibile che abbiate accumulato oggetti che non vi serviranno, e che è quindi meglio buttare o regalare. Avete presente le locandine con i calendari dei cinema all’aperto? O la mappa con il tour delle gelaterie e i gusti consigliati per ogni giorno della settimana? Ecco, ci siamo capitI: queste cose possono tranquillamente finire nel cestino, nessuno ne sentirà la mancanza, ma sarà più facile pulire e chiudere casa prima di tornare alla vita di tutti i giorni.

L’organizzazione è il segreto del successo

Questa è una regola d’oro che vale un po’ in tutti gli ambiti, ma soprattutto vale in contesti in cui c’è poco tempo a disposizione e non si ha la possibilità di tornare a correggere errori o dimenticanze. Il nostro consiglio quindi è quello di dividervi il lavoro, se possibile, con il vostro compagno o la vostra compagna, e di scrivere una lista di attività che dovrete assolutamente ricordarvi di completare, tra cui:

  • Svuotare, sbrinare, pulire e scollegare frigorifero e congelatore
  • Pulire a fondo cucina e bagno
  • Riporre lenzuola e coperte negli armadi, pulite e possibilmente sottovuoto
  • Aspirare a fondo tappeti e tende
  • “Sigillare” le finestre, o quantomeno cercare di chiudere gli spifferi il più possibile
  • Staccare le spine e le antenne
  • Eliminare ogni residuo di cibo
  • Chiudere i rubinetti di gas e acqua, scollegare la luce

A seconda poi che la vostra casa sia al mare o in montagna, oppure se abbia o meno un patio o un giardino, ci potrebbero essere altre attività da portare a termine.

Pulire bene gli spazi esterni

Se avete un giardino, ricordatevi prima di tutto di pulire griglie e tombini, affinché non si intasino in caso di pioggia. Riponete tutti i mobili all’interno della casa, e se avete un armadio dove organizzare i prodotti per il giardino, valutate se è opportuno lasciarlo vuoto o meno. In ogni caso accertatevi che tutto sia a prova di vento e pioggia. L’ultima cosa che vorrete è ricevere una telefonata che vi dice che un vostro utensile trascinato dal vento ha colpito qualcosa o, peggio, qualcuno.

Se possibile, chiedete aiuto ai vicini

Se siete di quelli che lasciano la casa delle vacanze disabitata per 11 mesi l’anno, non dovete pensare che sia così per tutti. Probabilmente qualcuno dei vostri vicini di ombrellone o di baita, o magari qualcuno che vive proprio lì dove voi andate a rilassarvi, potrebbe darvi una mano. Se possibile, chiedete di aprire di tanto in tanto le finestre, e lasciare arieggiare bene per almeno un paio d’ore una volta al mese, o tutte le volte che sia possibile. Questo darà anche la possibilità di controllare che sia tutto in ordine, e che la casa non abbia per esempio problemi di infiltrazioni che potrebbero causare danni non indifferenti.