A fine inverno tutti parlano di pulizie di primavera. Sembra quasi che ci sia un desiderio così grande di lasciarsi l’inverno alle spalle, che tutti siamo preparati ad affrontare anche le pulizie di primavera. Le attendiamo quasi, sono diventate un rituale in molte famiglie. In fondo dopo essere stati confinati all'interno delle nostre quattro mura per mesi, è un passo quasi necessario. Allo stesso modo, e per altri motivi, le pulizie autunnali dovrebbero essere altrettanto popolari, per poter così Iniziare la lunga stagione invernale in uno spazio fresco e ordinato, rendendo il nostro tempo “di clausura” più piacevole e sano.

I vantaggi a livello psicologico delle pulizie d’autunno

A seconda di dove viviamo, l’inverno può risultare una stagione difficile: poca luce, temperature basse, cattive condizioni meteorologiche possono infatti avere effetti sensibili sul nostro umore oltre che sulla nostra salute psicofisica. Perciò è bene arrivare alla stagione fredda nelle migliori condizioni possibili. Uno dei modi per farlo è fare ordine e pulizia nelle nostre case, seguendo alcuni principi base molto semplici, che abbiamo cercato di riassumere qui.

Eliminare il superfluo

Sappiamo che il disordine può essere estenuante. È un retaggio quasi preistorico, in cui la necessità di vivere in uno spazio libero da ostacoli aumentava le probabilità di sopravvivenza, perché rendeva più facile individuare un predatore e fuggire se necessario. Al giorno d’oggi non dobbiamo più guardarci le spalle da qualche predatore, però la sensazione di stanchezza che deriva dal vivere in un ambiente disordinato è rimasta. L’estate è sicuramente la stagione più ricca di stimoli di ogni tipo, conseguenza di un cambio di abitudini e orari che spesso ci porta a frequentare luoghi e persone diverse rispetto alle altre tre stagioni. Se per molti aspetti questo è sicuramente positivo, spesso si accompagna anche a un maggiore accumulo di “cose”: oggetti comprati in vacanza che hanno perso la loro utilità una volta tornati alla routine autunnale, ritagli di giornali che parlano di attività o eventi unicamente estivi, quindi ormai non più utili. Insomma, ci siamo capiti: l’estate porta con sé tanti oggetti unicamente estivi, che l’estate prossima saranno desueti. Il nostro consiglio? Buttare senza pensarci troppo e soprattutto senza rimorsi.

Fare respirare bene tutta la casa

Se un vantaggio a livello di benessere psicologico non fosse sufficiente, pensiamo che durante l’inverno avremo bisogno di tenere le finestre chiuse e di accendere il riscaldamento. Senza una pulizia profonda, il rischio è quello di ritrovarsi nelle condizioni ideali per acari della polvere, batteri e muffe. Per prevenire tutto ciò, è bene dedicare una sessione di pulizie approfondite, mantenendo le finestre bene aperte per un pomeriggio, durante il quale occuparsi di pulire tappeti, tende, divani e tutti gli ambienti in cui potrebbero proliferare i nostri piccoli nemici. Al tempo stesso è bene pulire bene gli impianti di riscaldamento, siano pompe di calore - i cui filtri andranno puliti e se necessario sostituiti - o termosifoni, nel qual caso è opportuna una pulizia igienizzante a fondo.

Fare entrare più luce possibile

VIsto che l’inverno porta con sé giornate buie, l’autunno è il momento più adatto per compiere una pulizia profonda di tutte le finestre, rimuovendo macchie e aloni che possono essersi accumulati. Così facendo la vostra casa risulterà più luminosa, anche nei giorni più bui dell’anno.

Approfittare dei primi giorni di pioggia

Si sa che l’autunno è spesso sinonimo di pioggia. Però questo non significa che dobbiamo passare il nostro primo weekend di pioggia guardando sconsolati le foto delle vacanze estive. Un’ottima attività da compiere in questi giorni è quella di sbrinare e pulire a fondo il congelatore. Così facendo non solo avrete un freezer più pulito, ma ne avrete anche migliorato l’efficienza, riducendo così i consumi che, si sa, in inverno crescono sempre.