Come pulire le fughe tra le piastrelle

Se sulla malta tra le piastrelle sta iniziando a crearsi la muffa o sta diventando grigia, leggi la nostra guida su come pulire le fughe tra le piastrelle.

25 gennaio 2019

pulire fughe tra le piastrelle
Pulizia del Bagno

In questa guida vi proponiamo diversi metodi per pulire le fughe, con una descrizione dei prodotti che potete utilizzare per pulire lo stucco delle piastrelle in bagno e in cucina, e in particolare centrandoci su come pulire l’intonaco della doccia. Lo stucco è la pasta bianca che unisce le piastrelle. Si tratta di una superficie porosa e ruvida, perciò ha bisogno di essere pulita in modo diverso dalle piastrelle. La pulizia delle fughe permetterà di eliminare lo sporco dai pori dell’intonaco, e prevenire la comparsa di muffe.

Nel caso in cui la muffa abbia già preso il sopravvento, guardate questo video per scoprire subito come rimuovere la muffa dalle piastrelle in semplici mosse:

Il modo migliore per pulire le fughe è utilizzare prodotti a base di candeggina. Utilizzare un prodotto di questo tipo vi permetterà di trascorrere meno tempo a pulire. Ricordatevi di leggere le istruzioni riportate sulla confezione e di testare il prodotto su una piccola area prima di applicarlo sull’intera superficie che desiderate pulire.

Pulire le fughe con prodotti commerciali

Al vostro supermercato o negozio di fai da te di fiducia troverete una serie di prodotti specifici per la pulizia delle fughe fra le piastrelle… Potete anche scegliere di usare della vernice per le fughe.  Si tratta di un prodotto che dovrete applicare usando un pennarello sullo stucco per mantenerlo bianco.

Alcuni di questi prodotti commerciali possono avere odori molto forti, quindi assicuratevi di ventilare il bagno o la cucina mentre li utilizzate. Vi consigliamo inoltre di indossare dei guanti di gomma e di proteggere gli occhi durante l’uso. Seguite sempre le indicazioni riportate sull’etichetta e testate il prodotto su una piccola area nascosta prima di applicarlo su tutte le fughe.

Pulizia delle fughe: Candeggina, sì o no?

Come si devono pulire le fughe della doccia? La candeggina, potete provare la candeggina Lysoform, è spesso una buona opzione, in quanto è molto efficace su stucco bianco e grigio chiaro. Tuttavia, se l’intonaco tra le piastrelle della vostra cucina o bagno è nero o colorato, la candeggina potrebbe solo far svanire il colore. Se decidete di applicare della candeggina, sciacquate le piastrelle con acqua fredda, poiché l’acqua tiepida o calda intensificherà i vapori della candeggina. Assicuratevi di usare guanti di gomma e mascherina durante l’uso di qualsiasi prodotto che contenga candeggina, e di leggere le istruzioni riportate sull’etichetta.

Scoprite altri segreti sull’utilizzo della candeggina qui.

Un’alternativa alla candeggina è data dai prodotti in polvere a base di ossigeno. Ricordatevi di seguire le indicazioni sull’etichetta e di testare il prodotto su una piccola area prima dell’uso.

Pulizia delle fughe: Bicarbonato e aceto

Un altro modo per pulire le fughe delle piastrelle consiste nell’utilizzare una soluzione di aceto e bicarbonato di sodio.

  • In una piccola bacinella, mescolate l’aceto e il bicarbonato di sodio fino a creare una pasta densa.
  • Applicate la pasta sull’intonaco e lasciate riposare per 30 minuti.
  • Usate un vecchio spazzolino per strofinare sullo stucco finché non sarà pulito.
  • Sciacquate la superficie con acqua pulita.

Con un po’ di sforzo, l’acidità dell’aceto e le proprietà sbiancanti del bicarbonato renderanno le vostre fughe di nuovo pulite.

Se le fughe tra le vostre piastrelle sono particolarmente sporche o vecchie, potrebbe essere raccomandabile cambiare completamente lo stucco. Contattate uno specialista che saprà come togliere l’intonaco e rifarlo, per rendere il vostro bagno o cucina di nuovo puliti e splendenti.

  • Risciacquate le piastrelle del bagno dopo ogni doccia per eliminare i residui di sapone, che potrebbero sporcare le fughe
  • Allo stesso modo, pulite le piastrelle della cucina con un panno morbido inumidito o utilizzando uno sgrassatore ogni giorno, per evitare che il grasso si accumuli su di esse
  • Siate metodici. Iniziate la pulizia dell’intonaco da un angolo per evitare di tralasciare fughe