Pulizia della Cucina

Come lavare i piatti a mano

I piatti nel lavello possono essere tanti dopo un pranzo di famiglia o una cena di compleanno! Scopri come lavare i piatti velocemente con i nostri consigli.

A volte, lavare piatti a mano è preferibile rispetto alla lavastoviglie: si risparmia elettricità e non si rischia di rovinare i calici da vino o altre stoviglie altrettanto delicate. I consigli contenuti in questa pagina vi mostreranno come lavare i piatti velocemente e in modo efficace.

Una guida dettagliata su come lavare i piatti a mano

  • Iniziamo con un suggerimento estremamente importante quando si tratta di lavare piatti a mano: immergete i piatti particolarmente sporchi nell’acqua prima di lavarli. Se le vostre pentole o padelle presentano macchie di grasso bruciato, riempitele con acqua tiepida o calda aggiungendo anche qualche goccia di detersivo per piatti SVELTO. Lasciate agire il più possibile: più tempo passa e più facile sarà rimuovere le macchie più ostinate.
  • A questo punto preparate il lavello: chiudete il tappo del lavello e posizionate una bacinella all’interno di esso (se ne avete una). Quindi, versate qualche goccia di detersivo (come Svelto) e riempite il lavello o la bacinella con acqua calda. Per un impatto ambientale ridotto, raccomandiamo di non lavare i piatti sotto acqua corrente per non sprecare molta più acqua, energia e detersivo!
  • Occupatevi per prima cosa dei piatti meno sporchi prima di passare a quelli più impegnativi o impregnati di olio per non sporcare immediatamente l’acqua utilizzata per il lavaggio. Iniziate da bicchieri, posate, piatti e scodelle. Lavate per ultime le pentole e gli accessori utilizzati per cucinare poiché saranno probabilmente quelli più sporchi.
  • Risciacquate le stoviglie. Una volta eliminati i residui di cibo, mettete da parte i piatti e risciacquateli successivamente. Accertatevi di aver eliminato completamente i residui di detersivo.
  • Utilizzate uno scolapiatti per far asciugare; se avete tempo (e spazio) lasciare che i piatti si asciughino naturalmente è la soluzione più igienica. Gli strofinacci da cucina possono nascondere dei batteri, quindi assicuratevi che questi siano puliti se preferite asciugare le stoviglie a mano.

Altri consigli su come si lavano i piatti a mano

Ora che conoscete le operazioni di base, ecco una serie di suggerimenti aggiuntivi su come lavare i piatti a mano.

Con l’acqua calda si ottengono i risultati migliori contro i residui di grasso – L’utilizzo di acqua fredda è però più efficace con i piatti che contenevano latticini o prodotti a base di amido. Tali alimenti possono infatti acquisire una consistenza gommosa a contatto con l’acqua calda.

Aceto e bicarbonato di sodio – Ecco un trucco efficace per sconfiggere le macchie di bruciato particolarmente ostinate. Versate nel piatto un cucchiaio di bicarbonato di sodio unitamente a 45-60 ml di aceto, quindi strofinate in corrispondenza della macchia. Questo stratagemma non è però indicato per pentole in metallo spazzolato o antiaderenti (come quelle in acciaio inossidabile), poiché il bicarbonato può esercitare un’azione estremamente abrasiva. Sempre meglio provare a pulire una piccola porzione della superficie prima di pulire tutta la pentola.

Come si lavano i piatti delicati? – Lavate sempre separatamente le stoviglie delicate. Potete ammortizzare il fondo del lavello o della bacinella con un asciugamano prima di iniziare a lavare i piatti (in questo modo non si rischierà di romperli).

Con i nostri suggerimenti e la guida dettagliata che vi abbiamo fornito su come lavare i piatti a mano, d’ora in poi lavare efficacemente le stoviglie sarà un gioco da ragazzi!

Cleanipedia consiglia


Lavare piatti a mano risulta molto più facile se ci si arma della giusta attrezzatura: acquistate dei guanti di gomma di buona qualità per proteggere le mani, utilizzate una bacinella per impedire che i residui di cibo finiscano nello scarico del lavello e dotatevi di un buon detersivo, come Svelto, per massimizzare i risultati.