Come pulire la lavastoviglie

Se i tuoi piatti non vengono più puliti come dovrebbero o sei noti spesso cattivi odori, forse è arrivato il momento di pulire la lavastoviglie. In questa guida troverai tutto quello che devi sapere sulla pulizia della lavastoviglie.

Aggiornato

pulire la lavastoviglie

Passi chiave

Per mantenere la tua lavastoviglie pulita dovresti:

  • Risciacquare i piatti e le posate prima di inserirli nella lavastoviglie, per eliminare i residui di cibo più importanti. Il filtro della lavastoviglie potrebbe ostruirsi con questi residui e causare il malfunzionamento dell’elettrodomestico.
  • Lasciare lo sportello della lavastoviglie aperto per una decina di minuti dopo ogni lavaggio per permettere una corretta ventilazione. L’umidità favorisce la proliferazione dei batteri, quindi è bene che la lavastoviglie si asciughi correttamente dopo ogni uso.
  • Evitare di lasciare piatti e posate sporche nella lavastoviglie troppo a lungo, così da prevenire l’aumento di germi e batteri.
  • Avviare la lavastoviglie a vuoto alla massima temperatura, inserendo un bicchiere con dell’aceto bianco nel carrello inferiore, almeno una volta al mese.
  • Utilizzare il sale, il brillantante e il detersivo per lavastoviglie nel modo consigliato dal produttore. Utilizzare prodotti come Svelto Cura Lavastoviglie per eliminare il calcare e mantenere la tua lavastoviglie sempre in ottime condizioni.
Per eliminare eventuali cattivi odori dalla vostra lavastoviglie, inserite mezzo limone nel cestello delle posate durante ogni lavaggio.

Come pulire: lavastoviglie splendente in 13 passaggi

Anche se intuitivamente potremmo pensare che la lavastoviglie sia uno degli elettrodomestici più puliti all’interno delle nostre case, in realtà anch’essa ha bisogno di essere regolarmente pulita e manutentata.

Infatti, una lavastoviglie sporca può avere sgradevoli conseguenze: cattivi odori, malfunzionamenti e la proliferazione di germi, batteri, funghi e muffe che si annidano soprattutto nelle guarnizioni. È importante mantenere la lavastoviglie pulita e igienizzata, poiché è l’elettrodomestico che si occupa di lavare le stoviglie sui cui mangiamo. Se pensi che sia arrivato il momento di dare una ripulita a questo pratico elettrodomestico, rimboccati le maniche, indossa i tuoi guanti di gomma e segui i nostri consigli.

Ti serviranno:

  • Guanti di gomma
  • Bacinella
  • Sapone per i piatti
  • Aceto bianco
  • Bicarbonato
  • Candeggina
  • Bicchiere
  • Spugna per i piatti
  • Spazzolino da denti
  • Panno morbido

Come fare:

  1. Indossa i guanti di gomma e svuota la lavastoviglie. Pulizie vanno sempre fatte ventilando l’ambiente.
  2. Estrai i carrelli e il cestello delle posate. Lava il cestello con acqua calda e sapone per i piatti nel lavandino. Se lo ritieni necessario, lava i carrelli nello stesso modo, mettendoli ad asciugare nella vasca da bagno.
  3. Estrai il filtro e separa ognuna delle sue parti. Lascialo a bagno per una decina di minuti in acqua calda e detersivo per i piatti. Elimina tutti i residui dal filtro con l’aiuto di una spugna per i piatti o un vecchio spazzolino da denti.
  4. In una bacinella, prepara una soluzione di acqua calda e sapone per i piatti. Puoi usare un detersivo come Svelto Antibatterico, che non solo ti aiuterà a sgrassare, ma rallenterà la proliferazione batterica nella vostra lavastoviglie.
  5. Con l’aiuto di una spugna per i piatti, pulisci tutta la lavastoviglie con la soluzione di acqua e sapone. Passa la spugna sulle pareti, sul fondo e sullo sportello della lavastoviglie, eliminando con cura tutti i residui di sporco e di calcare. Presta particolare attenzione alle aree dove lo sporco potrebbe ostacolare il buon funzionamento dell’elettrodomestico, come i buchi presenti nei giranti. Utilizza un vecchio spazzolino da denti per raggiungere tutti gli angoli e pulire la lavastoviglie interamente.
  6. Eliminare il sapone in eccesso con un panno morbido imbevuto d’acqua.
  7. Risciacquare con cura il filtro, i carrelli e il cestello per le posate e inseriteli di nuovo nella lavastoviglie.
  8. Almeno una volta al mese con una spugna imbevuta di aceto di vino pulire a fondo le guarnizioni della lavastoviglie – queste sono responsabili per l’accumulo di germi e muffa che non solo sono poco salutari ma sono anche la causa dei cattivi odori.
  9. Riempi un bicchiere con dell’aceto bianco e collocalo nel carrello inferiore della lavastoviglie.
  10. Avvia la lavastoviglie, scegliendo il programma con la temperatura più elevata. L’acqua calda e l’aceto disinfetteranno e sgrasseranno la lavastoviglie.
  11. Una volta finito il ciclo, togli il bicchiere e spargi un po’ di bicarbonato sul fondo dell’elettrodomestico.
  12. Avvia la lavastoviglie nuovamente, questa volta scegliendo un ciclo corto. Il bicarbonato darà un’ultima rinfrescata al tuo elettrodomestico ed eliminerà l’odore di aceto.
  13. Lascia asciugare con cura prima di utilizzare la lavastoviglie di nuovo.

Manutenzione straordinaria

Se vuoi fare una manutenzione straordinaria alla lavastoviglie, soprattutto se è rimasta inutilizzata per tanto tempo, puoi usare la candeggina. Attenzione però perché la candeggina, a differenza dei rimedi naturali come il bicarbonato e l’aceto, è un igienizzante di tipo chimico per cui devi sempre indossare dei guanti protettivi, un grembiule o dei vestiti vecchi per evitare schizzi. Inoltra, evita assolutamente di mischiare la candeggina con altri detergenti in quanto potrebbe diventare tossica. Per finire, ricorda di areare bene la stanza dopo averla utilizzata, spalancando le finestre e facendo circolare l’aria.

Per evitare la formazione di muffe all’interno della lavastoviglie è bene azionare un ciclo a vuoto ad alte temperature con un tappo di candeggina. Una volta finito, e prima di inserire le stoviglie, ricordati di far partire un altro lavaggio a vuoto per eliminare eventuali residui di candeggina.

Se l’odore di umido e muffa persiste, puoi posizionare un contenitore con del sale grosso e del bicarbonato, o solo del bicarbonato, nel cestino inferiore, ricordandoti però di rimuoverlo prima di azionare la lavastoviglie.

Ricorda che una buona manutenzione è fondamentale per avere sempre una lavastoviglie pulita e perfettamente funzionante. Inoltre, ricorda che l’acqua dura del rubinetto, poiché contiene elevati livelli di calcare, magnesio e altri minerali, porta alla formazione di calcare nella lavastoviglie. Un modo per evitare l’accumulo di calcare è quello di usare regolarmente un anticalcare e di usare sempre il sale specifico per la lavastoviglie che aiuta ad addolcire l’acqua.

Segui i nostri consigli per la pulizia della lavastoviglie per assicurarti dei piatti puliti e dei bicchieri brillanti, nonché una lavastoviglie igienizzata e profumata.

pulire la lavastoviglie

Originariamente pubblicato