Lunga vita ai fondi di caffè!

Come utilizzare i fondi di caffè in modo creativo

Aggiornato

cucchiaio con chicchi di caffè sul tavolo di legno

Avete dato fondo alle vostre riserve di caffè? Tranquilli, vi rimangono ancora… i fondi! Scherzi a parte, il fondo del caffè può essere davvero utilizzato invece di essere gettato nella spazzatura, e in modi che noi umani non possiamo neanche immaginare. Ad esempio? Contro le rughe, per rinvigorire il colore dei capelli, per aiutarvi nella pulizia, e in molti altri modi ancora. Bevitori di caffè incalliti, amanti della moka e lavoratori indefessi unitevi nella lettura di questo articolo, vi spieghiamo come utilizzare i fondi di caffè nella vostra vita quotidiana: siamo un pozzo senza fondo di consigli utili!

Ricordatevi che se proprio dovete buttarli via (ma non ve lo consigliamo), i fondi di caffè vanno gettati nella pattumiera dell’organico assieme agli altri avanzi di cibo.

Come utilizzare i fondi di caffè

I fondi di caffè, che non sono solo quelli che rimangono nella tazzina ma anche il caffè usato nella moka, hanno davvero un sacco di “seconde vite”. Possono essere usati nella cosmetica come prodotti di bellezza, nell’ambito del giardinaggio e persino per la pulizia della casa. Qualche esempio? Potete metterli su un panno umido per eliminare macchie sui mobili e nel frigo o in altri luoghi dove vi sono cattivi odori. I fondi di caffè inoltre, sono utili anche contro le formiche, come sostituto dei prodotti chimici che possono essere tossici per gli animali domestici e persino come concime.

I fondi di caffè contro le rughe

Usare i fondi di caffè contro le rughe può sembrare strano, ma non arricciate la fronte perplessi, altrimenti vi verranno ancora più rughe! La verità è che si può davvero fare una maschera per il viso con i fondi di caffè e l’olio d’oliva per mantenere la pelle giovane. Come? Mettete quattro cucchiai di fondi di caffè in una ciotola e unite un cucchiaio di olio d’oliva e uno di acqua. Mescolate bene ed effettuate uno scrub naturale sul viso, con movimenti delicati e leggeri. Questa operazione vi aiuterà a mantenere la pelle tonica senza usare additivi chimici.

I fondi di caffè per i capelli: un colorante e tonificante naturale

Se la vostra meravigliosa chioma è sciupata e scolorita, non mettetevi le mani nei capelli, metteteci il caffè! Sul serio, il caffè nei capelli può essere usato come colorante naturale durante la preparazione dell’hennè per ottenere dei bei riflessi caldi e scuri. Oppure, potete usare i fondi del caffè per ravvivare il colore dei capelli neri o castani, facendo un ultimo risciacquo con acqua fredda mescolata ai fondi. Ma non è tutto: i fondi di caffè sui capelli servono anche per contrastare la temibile forfora! In questo caso dovrete usarli per massaggiarvi il capo prima di sciacquare.

I fondi di caffè per le piante: nutrirle e difenderle

I fondi di caffè possono dare una mano alle vostre piante a crescere sane e vigorose. Sono infatti ricchi di sostanze nutrienti quali magnesio e rame, solo per citarne un paio. Per utilizzarli sulle vostre rigogliose piantine come se fosse un concime vi consigliamo di mettere una quantità variabile, da due a 10 cucchiai, direttamente nel compost. In alternativa, potete anche versare due tazze di fondi di caffè nell’acqua dell’innaffiatoio. E non è tutto: i fondi di caffè vanno bene anche come concime per piante e fiori e come dissuasore per le lumache che predano il vostro orto, tenendole lontane.

Fondi di caffè e limone contro gli odori molesti

I fondi di caffè assorbono anche i cattivi odori! Ad esempio, potete usarli sulle vostre mani strofinando la polvere se avete maneggiato aglio o altri alimenti che lasciano cattivo odore sulla pelle. Per lo stesso motivo vi consigliamo di mettere i fondi di caffè in frigorifero, assieme a un po’ di limone, se dopo averlo pulito rimane ancora del cattivo odore.

Siete ancora convinti che i fondi di caffè siano solo un prodotto di scarto? Se dopo i fondi di caffè volete provare a riciclare altre sostanze che di solito buttate, consultate la nostra guida.

Originariamente pubblicato