Alternative per una casa con meno plastica.

Contenitori eco-friendly per una casa più sostenibile.

Aggiornato

sacchetto di plastica blu

Ormai pare che il mondo abbia dichiarato guerra alla plastica, d’altronde è difficile ignorare le immagini che arrivano da fiumi e addirittura oceani pieni di rifiuti in plastica che tarderanno millenni prima di essere eliminati completamente. Uno dei problemi principali della plastica, è che è un materiale davvero versatile e facile da produrre a basso costo, perciò ne siamo così dipendenti. Ciò non toglie che ormai è chiaro che dobbiamo iniziare a fare qualcosa, perché quello che oggi può essere uno sforzo, potrebbe diventare la norma per le prossime generazioni, e questo non potrà che migliorare le prospettive per il futuro. Ma come sostituire la plastica in casa? Le alternative facili da trovare, come per esempio fare una scatola di cartone, o utilizzare scatole si legno, davvero non mancano, eccone alcune.

Realizzate le vostre scatole di cartone per conservare i gioielli, oppure coinvolgete i piccoli di casa per creare scatole porta-giochi con carte a tema. Sarà più facile trovare tutto e avrete fatto un piacere al pianeta.

Scatole di cartone

La scelta più ovvia forse è proprio questa. Infatti piccole scatole di cartone, o anche le scatole di scarpe possono essere tranquillamente riutilizzare per organizzare piccole cose, come ad esempio i cosmetici. Se invece abbiamo bisogno di scatole più capienti, possiamo tranquillamente attendere la prossima consegna a domicilio di un acquisto fatto online. Se avete un panettiere di fiducia, potete anche chiedere che vi conservi qualche scatola: avrete la garanzia di avere scatole pulite da poter utilizzare subito, magari per riporre i vestiti. Unica accortezza: ricordate di lavare e asciugare completamente i vestiti che andrete a riporre nella scatola di cartone, per evitare spiacevoli sorprese. A questo punto potete anche seguire i consigli di Marie Kondo per ottimizzare lo spazio a vostra disposizione.

Altri usi delle scatole di cartone: per organizzare tutti gli articoli per ufficio, matite, penne, graffette, rotoli di scotch e tubetti di colla; per conservare calze e collant. Forse è superfluo dirlo, ma le scatole di cartone sono perfette anche per i giocattoli, magari ricoprendole con carta da regalo a tema, per ordinare i giochi e aiutare i più piccoli a organizzarsi e a trovare più facilmente i loro giochi preferiti.

Scatole di legno

Volete una scusa per comprare del buon vino? Eccola qua: le casse di legno diventeranno le vostre nuove alleate per l’organizzazione di casa, portando anche un tocco di design nel vostro stanzino o nella vostra cantina. Le scatole possono essere utilizzate in legno grezzo o verniciato, come preferite. Ad esempio, potreste conservare gli utensili per il cucito (rocchetti di filo, aghi e gomitoli di lana). Oppure potreste mettere una bella scatola di legno direttamente ai piedi del divano, e usarla come portariviste o per riporvi il vostro plaid preferito con uno o due cuscini.

Contenitori per il cibo e lunch boxes

La cucina è forse la stanza di casa che offre più alternative alla plastica: niente di più facile che riutilizzare vasetti di vetro, quelli per intenderci di sottaceti, salse o marmellate. Basta davvero un minimo sforzo per avere una cucina senza plastica. Oggi poi esistono in commercio bellissimi contenitori in bambù o in silicone naturale. Alcuni possono passare direttamente dal freezer al microonde, o addirittura permettono di essere immersi in acqua bollente per cucinare cibi congelati. Insomma, non abbiamo più scuse.

Un po’ di fai-da-te e tanta soddisfazione

Arriva una domenica di pioggia e non avete programmi? Ecco qui una semplice attività domenicale che vi aiuterà a conservare e ordinare i vostri gioielli: le scatole fatte con il metodo “origami” sembrano fatte apposta per questo scopo. Scegliete fogli di carta con motivi e colori che vi piacciono e poi andate al computer per trovare le istruzioni per costruirli. Un'attività zen e orecchini ora facili da trovare. Cosa volete di più da una domenica di pioggia?

Originariamente pubblicato