Risparmio energetico: trucchi e consigli per risparmiare sulla bolletta elettrica

In questa breve guida vi proponiamo alcuni trucchi per risparmiare sull’energia elettrica.

Aggiornato

Passi chiave:

Come risparmiare sulla corrente, quattro accorgimenti importanti:

  1. Informati sui diversi fornitori e sulle tariffe per l’elettricità.
  2. Fai un uso consapevole dell’energia, non sprecarla.
  3. Scegli elettrodomestici a basso consumo, noterai la differenza nella bolletta.

Se ne hai la possibilità, considera le energie alternative come fonte di elettricità.

Usare l’energia elettrica in modo responsabile e meditato è fondamentale e doveroso. Abbassare la bolletta della luce non solo aiuterà le tue finanze ma anche, e soprattutto, l’ambiente. Di seguito, ti proponiamo dei semplici trucchi per risparmiare sulla corrente elettrica a casa.

Capire quanto consuma ogni elettrodomestico è fondamentale per pianificare come risparmiare energia elettrica in casa. Per riuscirci, ti raccomandiamo di investire in un piccolo misuratore di efficienza energetica. Questo dispositivo serve a misurare i costi energetici degli apparecchi elettrici ed è utile non solo perché ti permette di capire quale elettrodomestico sta causando un aumento della bolletta, ma facendo questo ti aiuta anche a decidere quali abitudini cambiare al fine di avere un risparmio energetico.

Risparmio energia: si può pagare di meno?

Una delle prime cose da tenere in considerazione quando si pianifica come risparmiare sulla corrente è il tipo di servizio che si è contrattato, ed eventualmente, se sia necessario cambiare il tipo di tariffa.

  • Per prima cosa, rifletti sul tuo stile di vita: passi molto tempo a casa? In caso affermativo, è probabile che i tuoi consumi elettrici siano distribuiti in modo più o meno uniforme durante il giorno. In questo caso, è probabile che una bolletta della luce con tariffa monoraria sia quello che fa per voi. In questo tipo di contratto, l’energia ha un unico prezzo che rimane invariato durante tutta la giornata. Se al contrario passi la maggior parte della giornata fuori casa, e i tuoi consumi si concentrano in determinate ore del giorno, dovresti considerare una tariffa bioraria o multioraria, dove i prezzi variano a seconda dei giorni e della fascia oraria in cui si utilizza la corrente.
  • Inoltre, se si desidera risparmiare sulla corrente, sarà importante considerare la possibilità di cambiare fornitore. Informarsi sulle offerte dei diversi fornitori è semplice grazie ai cosiddetti comparatori di prezzi, consultabili online. Ti raccomandiamo di dare un’occhiata a questo tipo di siti per capire se cambiare fornitore sia l’opzione giusta per te.
  • Per risparmiare sulla bolletta elettrica considera dei piccoli accorgimenti, come ad esempio quello di sostituire le lampadine tradizionali con quelle a basso consumo energetico, quali le lampade fluorescenti compatte o le LED. La differenza tra queste lampadine sta nella quantità di energia elettrica che viene trasformata in luce bianca. Mentre quelle tradizionali trasformano solo il 5% mentre il restante viene disperso, le lampadine LED trasformano invece fino al 50% , con chiari vantaggi in termini di aumento del risparmio energetico.   

Trucchi per risparmiare energia elettrica: diminuire i consumi

Ti ricordi quando i nostri genitori ci rimproveravano per aver lasciato le luci accese in giro per la casa? Adesso che tocca a noi pagare le bollette, il loro atteggiamento ci sembra del tutto ragionevole e sensato. Ridurre il consumo di elettricità e raggiungere l’efficienza energetica senza dover rinunciare ai comfort a cui si è abituati non è difficile. Basterà fare un po’ più d’attenzione e seguire questi piccoli trucchi per risparmiare sulla corrente elettrica:

  • Non sprecare: cominciando dal più banale di tutti, è importante essere consapevoli di dove e come si consuma elettricità ed eliminare qualsiasi fonte di spreco. Apparecchi in stand-by, luci accese in camere vuote o addormentarsi lasciando la tv accesa sono alcuni dei nemici del risparmio energetico. Ricordati di spegnere il computer e il monitor quando finisci di usarlo, installa dei timer in cantine e sgabuzzini per evitare di lasciare la luce accesa e utilizza lampade LED o a basso consumo per ridurre i costi. Inoltre, ti consiglio di fare il bucato in lavatrice utilizzando una temperatura bassa, di non posizionare il frigo vicino a fonti di calore come il forno e di eliminare per bene i residui di cibo dai piatti sporchi prima di metterli nella lavastoviglie.
  • Acquistare elettrodomestici a basso consumo: È arrivata l’ora di cambiare la lavatrice? Una delle principali caratteristiche da tenere in considerazione quando si vuole risparmiare sulla bolletta è l’efficienza energetica del prodotto. È probabile che un maggior investimento iniziale in un apparecchio più efficiente vi porti a risparmiare in futuro.
  • Investire in un impianto fotovoltaico: malgrado questa soluzione richieda un investimento iniziale elevato, si rivela comunque spesso un’ottima opzione poiché la spesa iniziale viene solitamente ammortizzata in meno di dieci anni. Scegliere di utilizzare l’energia solare per illuminare e scaldare le nostre case non è solo un’opzione che conviene al portafoglio, ma anche all’ambiente.
  • Se hai uno scaldabagno elettrico, è risaputo che questo influirà in modo incisivo sui consumi della corrente elettrica. Ma allora come fare a risparmiare sulla bolletta elettrica se non si vuole sostituire il boiler? Bastano dei piccoli accorgimenti, come ad esempio quello di scegliere un tipo di apparecchio adeguato al numero di componenti della famiglia, o quello di far installare il boiler in prossimità della zona doccia e della vasca da bagno. Idealmente, sarebbe meglio avere un boiler secondario anche in cucina, vicino agli elettrodomestici, ed evitare di tenerli sempre accesi.
  • Evitare i lavaggi del bucato ad alte temperature. Per avere panni puliti e igienizzati basta aggiungere al detersivo tradizionale un additivo con funzione battericida e optare per temperature di lavaggio basse, come a 30°C. Un metodo naturale molto efficace ed economico è quello di aggiungere uno o due cucchiai di bicarbonato di sodio, che è un ottimo germicida antibatterico che non solo igienizza i capi ma elimina anche gli odori di sudore.
  • Stesso discorso vale per la lavastoviglie – se i piatti non sono particolarmente sporchi e soprattutto se non sono stati contaminati da carne cruda, pesce crudo e uova, un ciclo ecologico a 30°C sarà sufficiente per lasciare le tue stoviglie pulite e splendenti e contribuirà a farti risparmiare sulla corrente elettrica.   

Per lavare i piatti a mano non c’è bisogno di sprecare acqua del rubinetto calda! Per le pentole incrostate lasciale riposare di notte con dell’acqua e bicarbonato. Per i piatti sporchi c’è il metodo della nonna, si lavano che è una bellezza con l’acqua di scolo della pasta.

Originariamente pubblicato